VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Usi e costumi



I primi ad adottare l'anello nuziale sono stati i Germani. Il mondo romano e quello cristiano presero da loro questa tradizione.


Nel Medioevo la fanciulla che voleva garantirsi amore eterno legava a un anello d’oro con un diamante un filo formato dai propri capelli e da quelli dell’amato. Poi portava il gioiello sul suo cuore per nove giorni e infine lo donava a lui. La fedeltà era assicurata.

La scelta di portare l'anello all'anulare della mano sinistra era legata alla credenza che questo dito fosse connesso al cuore da un nervo. Tuttavia è evidente che la ragione poteva anche essere pratica: la mano sinistra lavora meno di quella destra e l'anello resta più protetto.

Di norma è lo sposo che deve acquistare le fedi, ma in alcune regioni italiane sono i suoi testimoni a regalarle.

SULLA PELLE
Per le spose più giovani e trendy, si va affermando la moda di farsi tatuare la fede direttamente sulla pelle. Naturalmente l'operazione va eseguita da un professionista, con tutte le cautele richieste.
Attenzione anche alla scelta del disegno: il tatuaggio è difficilmente cancellabile, i decori proposti, invece, sono molto spesso dettati dal momento.

 



Courtesy of Platinum Guild International


Concorso DIMMI DI SI' CON COMETE

Ecco le tre vincitrici del concorso Comete. Scopri chi sono e cosa hanno vinto.
E ricordati di continuare a giocare con noi: la prossima fortunata potresti essere tu!